Piace perché è informale, sano e gustoso. L’arrosticino fa gruppo, fa amici. Fa simpatico insomma. E’ il cugino “carnale” della pizza.

Gli arrosticini sono degli spiedini su cui si infilzano tocchetti di carne ovina di pecora. Secondo la tradizione, i tocchetti di carne magra si alternano a quelli di grasso, che hanno lo scopo di rendere lo spiedino più morbido e profumato.

Vengono cotti, su una griglia-braciere di forma rettangolare, stretta e allungata, e poi mangiati subito, ben caldi e con un po’ di sale, accompagnati da un buon bicchiere di vino rosso. Gli arrosticini più pregiati (e oggi più rari) sono, ovviamente, quelli fatti a mano, a tocchi grossi, infilzati a mano e in grado di reggere una cottura prolungata.

L’area di diffusione originaria è nella zona pedemontana sul versante orientale del Gran Sasso, principalmente in provincia di Pescara. Il centro di quest’area è ai piedi del Voltigno (zona montuosa sul versante orientale del Gran Sasso) e nelle valli vicine al fiume Nora e Tavo (comuni di Villa Celiera, Farìndola, Civitella Casanova, Catignano, e ancora Pianella e alcuni altri).

Menu
Richiedi Info